venerdì 7 giugno 2013

Pane e cicoria



Ho , per il pane , un grande amore. Non è solo passione, è speranza , pazienza, cura, affetto.
Quando lo preparo trasferisco ogni buon sentimento nei movimenti, senza dimenticare guizzi di
fantasia, con impegno e giocosità, in allegria e serenità d'animo. Mi ci metto tutta, senza paura.
Va da sé che io sia una appassionata sostenitrice dell'evento creato da Sandra e Barbara.
Potevo non partecipare alla sfida , al gioco anzi , da loro proposto? Lievitati con erbe aromatiche.
Non poteva essere solo un pane alle erbe, no. Volevo un pane che raccontasse qualcosa..
Doveva essere pane semplice e di lontana memoria. Pane e cicoria.  A modo mio, naturalmente.
Perché quelle piccole regole che ho scritte nella colonna di destra  sono cose in cui credo.
Al punto che la cicoria selvatica che ho messo nel pane l'ho colta nel mio minuscolo giardino,
tra l'erba, no, niente tappeto erboso , è erba, curata,  certamente, ma nient'altro che erba.
Ho saltato la cicoria con aglio e olio, buon olio da olive, asciugata bene sul fuoco e messa
nell'impasto del pane. A pranzo fette di pane e cicoria condite con un filo d'olio e buon formaggio.






Pane alla cicoria selvatica


Ingredienti
Farina 0 g 300
Farina integrale g 100
Acqua g 300
Lievito madre g 60
Malto d'orzo 1 cucchiaino
Sale g 8/9
Cicoria lessata, saltata con aglio e olio a piacere

Sciogli il lievito con il malto e  parte dell'acqua, unisci le farine, l'acqua rimanente, mescola
brevemente fino a che le farine siano bagnate e, anche se l'impasto non è perfettamente liscio,
copri e lascia riposare un'ora. Riprendi l'impasto , unisci il sale e lavora fino a che avrai un
composto incordato , liscio e setoso. Trasferisci su uno spiano oliato , stendi l'impasto e ,
senza lavorare troppo, ma solo facendo delle pieghe come qui, incorpora la cicoria.






Ripeti le pieghe tre/quattro volte a distanza di 15/20 minuti, dovrai regolarti tu a seconda di
quanto è sostenuto l'impasto, comunque un poco si smollerà perché la cicoria rilascia  della
acqua.Metti a lievitare in un contenitore oliato. Io non ero soddisfatta della consistenza del
mio impasto, perciò ho atteso che lievitasse un pochino, poi l'ho messo in frigorifero per
circa 15 ore, potrebbero bastare anche 8/10 ore , ma, per impegni di lavoro , non ho potuto
riprenderlo prima.  Rovescia su di uno spiano ben infarinato con semola, porta i lembi al centro
per formare una palla, infarina abbondantemente il centro , allarga con le dita fino ad avere
lo spazio per far passare un bicchiere o un coppapasta sufficientemente alto, poi trasferisci
il tutto in un cestino foderato con un canovaccio molto infarinato. Lascia lievitare per 3 , 4
ore al massimo chiuso  con pellicola o con un sacchetto per alimenti. Accendi il forno per
tempo alla massima temperatura. Rovescia il pane su carta forno, togli quello che hai usato
per formare il foro centrale e inforna , versando un bicchiere d'acqua su di una teglia posta
sul fondo del forno. Dopo 10 minuti, abbassa la temperatura a 220° e cuoci per altri 35/40
minuti. Fai raffreddare il pane nel forno, appoggiato alla parete e con lo sportello aperto.


Cicoria selvatica

Il giorno prima ho raccolto, prima di tagliare l'erba del prato, la cicoria che cresce spontanea,
l'ho lessata brevemente, tagliata in modo grossolano e saltata in padella con aglio e olio,
aggiunto sale e pepe a piacere e l'ho usata poi nel pane , non era moltissima, da cotta un
paio di manciate.


















Questo pane va da Panissimo,  evento mensile ideato da Barbara
del blog Bread & Companatico e Sandra del blog Indovina chi viene a cena
ed ospitato per il mese di giugno da Barbara .

Panissimo































Avevo letto dei principi dello Smartcooking e mi sono subito piaciuti, riflettono ciò che penso
del cibo. Sono stata invitata a partecipare per diffondere il messaggio, ma ho creduto di non
avere abbastanza tempo per pensare a qualcosa che fosse semplice ed originale insieme, volevo
che la mia ricetta fosse  breve e facile. Nel momento in cui ho pensato a questo pane e a come
utilizzarlo, ho desiderato assaggiarlo per verificare se era come mi aspettavo. Sono felice di dire
che è così, e sono felice di dare il mio contributo, senza presunzione, mettendoci del mio, con
rispetto del cibo, sempre.


I PRINCIPI DELLO SMARTCOOKING.
Le regole per creare cultura in cucina


RISPETTA. Cibo che sta per scadere? Non buttarlo via. Se non 
puoi cucinarlo subito offrilo in regalo agli amici o ai tuoi vicini.

RIDUCI. Non sprecare cibo vuol dire ridurre gli scarti e 
adoperarli in maniera intelligente, come nuovi ingredienti.

RIUSA. Non buttare via gli avanzi ma trasformali in nuove 
e gustose ricette.

RIPONI. Conserva gli alimenti in maniera corretta utilizzando 
sempre gli appositi contenitori o la pellicola trasparente. 
I cibi resteranno freschi più a lungo.

RIFLETTI. Guarda quali ingredienti hai già in casa, prima di decidere 
cosa cucinare. Scoprirai che magari non c'è nulla da acquistare.

RISCOPRI. Per le tue ricette prova a utilizzare ingredienti 
semplici e spesso poco usati.

RICORDA. Coinvolgi nel mondo dello SmartCooking anche genitori 
e nonni. Resterai stupito dai preziosi consigli che sapranno offrirti.



Ingredienti del piatto

Pane alla cicoria selvatica
Olio e.v.o.
Scaglie di Parmigiano Reggiano








Maggiori dettagli su come partecipare a questa iniziativa li puoi trovare qui :
https://apps.parmigianoreggiano.it/prchef  e qui : https://apps.facebook.com/pr-chef




Ha fotografato Valentina Dalla Pria






SHARE:

59 commenti

  1. Sandrina sei unica!
    Complimenti per l'idea è veramente super, un pane così invitante come pochi. L'immagine è una tentazione. :)
    Baci e buon we!

    RispondiElimina
  2. sei davvero bravissima a fare il pane! Credo tu abbia visto che il centro del pane è ha cuore ho lo hai fatto tu? La prima foto è molto bella!
    buona serata Susy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto :) non era intenzionale, per il foro ho usato un bicchiere.. Le foto sono della mia bimba, grazie Susy ♥

      Elimina
  3. Ciao Sandra :) Capisco il tuo amore per il pane anche se non sono una grande panificatrice (nemmeno media, direi)... diciamo che sono più adatta a mangiarlo :D Però quando preparo un dolce, una torta... mi sento proprio così... come te quando prepari il pane... mi ritrovo in ogni tua singola parola <3 Questo qui con la cicoria è stupendo, non amo tanto la cicoria ma lo mangerei moooolto volentieri! :D Complimenti, un abbraccio forte e buon weekend :** <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora è anche per questo che i tuoi dolci sono sempre così belli :)
      Niente cicoria per te? Via, la togliamo :D
      Un bacione, buon fine settimana ♥

      Elimina
  4. Un pane ricchissimo COMPLIMENTI!

    RispondiElimina
  5. buonissimo questo pane, brava

    RispondiElimina
  6. Anche io amo panificare, però complimenti a questa tua ricetta, si sente un profumino fin qui :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi capisci :) ciao Iris, buon fine settimana :**

      Elimina
  7. E' colpa tua,pubblichi troppe ricette,e io non posso non a profittarne,questa volta prima dei complimenti ecco la domanda:nel fare l'impasto è proprio necessario sciogliere il lievito? faccio sempre molta fatica e i grumi rimangono.
    Comunque ogni volta ti superi,brava.
    Buona notte Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovanni, ciao! Hai provato con l'acqua leggermente intiepidita e a "schiacciarlo" tra le mani? Comunque i grumi non dovrebbero rimanere , con il riposo di un'ora si sciolgono sicuramente.
      Grazie per i tuoi complimenti, sempre molto graditi.
      Buon fine settimana :)

      Elimina
  8. Mi piace Sandra questo pane,è insolito e così bello nella sua semplicità....devo provarlo.
    Ti abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica, se dovessi provarlo, mi faresti felice!
      In caso , fammi sapere come ti sei trovata, ti suggerisco solo di diminuire l'acqua, sono stata un pò azzardata e ad un certo punto ho pensato che mi sarei ritrovata con una focaccia :D
      Un bacio grande ♥

      Elimina
    2. In settimana lo provo e ti faccio sapere!
      bacioni!!!
      Monica

      Elimina
  9. mai pane fu più goloso! Ne sento quasi il sapore!! Hai fatto centro Sandra!! Ottima idea!! un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina!:)
      Buon fine settimana, un bacione!

      Elimina
  10. tu non sei una donna: sei un mito!
    mi sono innamorata di questo pane: rustico, semplice, meravigliosamente bello da vedere e non oso immaginarmi come deve essere il profumo appena sfornato.
    credo che invertarci questo PANISSIMO per me e per la Barbara sia stato un colpo di fortuna: mai avrei pensato di trovare tante ricette bellissime e meravigliose come stanno arrivando.
    Grazie SANDRA, grazie mille, grazie un milione, grazie.
    siamo uguali, mi sono venuti i lucciconi agli occhi mentre guardavo il tuo capolavoro. un abbraccio con il cuore Sandrina mia.
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io devo ringraziare te e Barbara per "distrarmi" e non farmi sentire troppo la "lontananza" dal blog ♥
      Sono FELICE che siamo uguali, bacioni enormi!!

      Elimina
  11. Sandrina, bellissima anche la forma, azzeccatissima!

    RispondiElimina
  12. La cicoria ripassata è il simbolo della mia città... come contorno la mangio spessissimo, ma metterla nel pane... che idea! Prima o poi farò il grande salto/tentativo: fare il pane con le mie mani. Rimando, non mi sento pronta, mi sembra impossibile possa riuscirci... ma forse basta solo provare e superare i timori iniziali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto il tuo pane e già so che sarà poesia.
      Ti abbraccio

      Elimina
  13. il pane alla cicoria l'ho mangiato sa Bonci sai??? Ma il tuo, così rivisto è una delizia unica!!! e le immagini sono talmente invitanti che...mmmmm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho fatto ricerche di nessun tipo, magari si troverà sul web , Bonci è un maestro!
      Per le immagini devo ringraziare la mia bimba:)
      Ciao Elena, un bacione

      Elimina
  14. Ne sai una più del diavolo sulla panificazione......bravissima,un abbraccio.

    RispondiElimina
  15. mi manca proprio il saper panificare così...io adoro il pane...mi hai fatto sognare con questa ricetta!

    RispondiElimina
  16. Sei un pozzo di idee ( una più del diavolo..)il pane alla cicoria non lo conosco ( anche quella cicoria non conosco..)da noi non cresce.. ma sto sulla tua fiducia..sarà buonissimo!! Le "Piccole regole" però le conosco e le metto in pratica..fanno parte del bagaglio della nostra educazione..e possiamo ritenerci fortunati che non dobbiamo seguire "corsi" per risparmiare, non sprecare e riutilizzare !!!! Ciao carissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il suggerimento sulla commestibilità viene da una mia zia ( a proposito di consigli delle persone con più esperienza, è un principio fondamentale )
      E' verissimo che possiamo ritenerci fortunati per il bagaglio della nostra educazione, così come so che è quello stesso bagaglio che passiamo ai nostri figli e, i più fortunati, ai nipoti.
      E con i tempi che corrono il cielo sa se ce n'è bisogno..
      Un abbraccio Caterina, stretto stretto ♥

      Elimina
  17. Sandra, il mio quadernetto "lievitati di Sandra" sta diventando la copia del tuo blog... Che profumo deve avere questo panello? Ti bascio forte forte!

    RispondiElimina
  18. Questo non è solo un pane, è l'essenza della semplicità, del gusto della memoria. Del vivere sostenibile come si dovrebbe imparare a fare davvero. Brava

    RispondiElimina
  19. Mammamia che meraviglia!!!!! Si vede tutta, credimi, la tua passione per il pane!! Sei un portento ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica , grazie!!! Scusami per il ritardo con cui ti rispondo, di solito cerco di farlo subito :)
      Buona settimana :*

      Elimina
  20. Ciao! Evviva il tuo pane! Da buona pugliese non posso che sostenere l'utilizzo della cicoria selvatica in cucina e di tutte le fantastiche erbe di campo! Ricetta fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania! Ma sai che non la conoscevo proprio? E' stata una buonissima scoperta :)
      Bacio grande!

      Elimina
  21. Sempre un piacere passare per un saluto e ammirare ancora una volta il tuo buon pane.
    Buon lavoro cara Sandra!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Che pane fantastico e che foto meravigliose! Mi piace tutto, sei bravissima...e brava anche a Valentina. Buona giornata, a presto. eleonora

    RispondiElimina
  23. Che bello , grazie Eleonora!! Riferirò a Valentina :)
    Felice giornata a te!

    RispondiElimina
  24. sandra bellissima sandra, mi perdoni per l'assenza e la mancata ovazione a questo pane meraviglioso? e' stato un mese di fuoco questo e tempo per commentare e' mancato. sono entrata almeno una decina di volte nella tua pagina e tutte le volte sono stata interrotta prima di poterti lasciare un messaggio. non ho parole di fronte a questo pane che contiene due dei mie ingredienti favoriti: lievito madre e bieta. e grazie della foto dell'erbetta selvatica. qui al mercato non si trova ma potrei avventurarmi a coglierla... mi ricorda tanto quella che diamo al coniglietto del parco giochi qui a stoccolma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che ho da perdonarti? Sono felice che tu sia passata , assolutamente!!!!
      Per il poco tempo, figurati se non ti capisco, mi ritaglio pochi minuti mentre faccio colazione prima di andare al lavoro e il blog è assai poco aggiornato, purtroppo!
      Ma oggi ce la metterò tutta per scrivere un post su.. indovina? Pane!
      E te lo mando con tutto il mio affetto, buona domenica dolce Barbara ♥

      Elimina
  25. Fra le mie passioni c'è sicuramente il pane e provare sempre nuove versioni. Pertanto questo tuo spazio non poteva certo mancare fra i blog che seguo!
    Buona serata
    Maria Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Maria Grazia :) buona serata a te!

      Elimina
  26. Che pane meraviglioso! E sicuramente saporito. Mi piacerebbe farlo, ma sono alle prime armi come panificatrice.Comunque seguendo voi, brave maestre, spero di raggiungere un discreto risultato.
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei alle prime armi lo puoi fare lo stesso, magari riducendo l'acqua così da poterlo lavorare con più facilità, ma non preoccuparti, è più facile di quello che sembra:)
      Ed io non sono certo una maestra, davvero , comunque grazie per la fiducia :)
      Un bacio!

      Elimina
  27. Molto interessante questa aggiunta, è da poco tempo che ho il lievito madre e sto panificando in casa, e mi diverto a sperimentare nuovi impasti; prendo sicuramente spunto, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piacerà, quello del pane è un bel mondo, almeno per me è così :)
      Ciao cara, un bacione!

      Elimina
  28. Se ancora non lo sai abbiamo vinto il premio di Barbara e Sandra di Panissimo!! Sono stra-felice di dividere questo premio con te! Senza nulla togliere alle altre che sono davvero bravissime e come noi amano panificare ma ... tu lo sai il feeling che sento nei tuoi confronti e sono davvero onorata di aver vinto insieme a te! ♥♥♥

    RispondiElimina
  29. Fantastica ricetta, una di quelle che bisognerebbe davvero segnare nel quaderno delle ricette e fare al più presto!

    RispondiElimina

Leggo con gioia i vostri commenti , siete in tanti a farmi visita tutti i giorni e anche se lo fate in silenzio la cosa mi fa ugualmente piacere,grazie ♥

© dolce forno. All rights reserved.
Blogger Templates by pipdig