martedì 24 dicembre 2013

Triangoli allo zenzero




L'ho già scritto, per Natale mi piace tantissimo preparare biscotti.
Biscotti semplici , elaborati, glassati, con frutta secca, al cioccolato, biscotti in ogni modo! 
Ci sono biscotti che non possono mancare, ma ogni anno mi piace preparare una ricetta 
mai fatta, un biscotto nuovo... ebbene , il biscotto  per questo Natale è allo zenzero. 
Ho trovato lo zenzero candito, già pronto, non saprei nemmeno da dove cominciare se 
dovessi farlo da me e non ho resistito..ricordavo di aver letto una ricetta che lo  aveva 
tra gli ingredienti e, dopo una accurata, minuziosa e lunga , molto , molto lunga ricerca 
nelle  innumerevoli riviste di biscotti natalizi in mio possesso, l'ho trovata!






Ingredienti per circa 60 biscotti
Farina 0 g 130
Farina integrale g 130
Burro g 125
Zucchero g 200
Uova 4
Farina di nocciole g 200
Cioccolato fondente g 250
Zenzero candito g 100
Zenzero in polvere 1 punta di cucchiaino

Per decorare
Zucchero a velo g 200
Succo di 1 arancia
Zenzero candito g 25

Mescola burro e zucchero, unisci un uovo alla volta amalgamando bene, si formerà una crema.
Trita finemente il cioccolato e lo zenzero, unisci entrambi al composto , aggiungi le farina di nocciole
e lo zenzero in polvere. Ora è il momento delle farine , che aggiungerai sempre mescolando.
Stendi la pasta in uno strato di 1,5 cm di spessore su una teglia ricoperta di carta forno e cuoci in 
forno preriscaldato a 200° per 25 minuti. Taglia l'impasto ancora caldo in triangoli e lascia raffreddare.
Mescola lo zucchero a velo con il succo di arancia e cospargi i triangoli. Taglia a pezzettini lo zenzero,
distribuisci sopra ai biscotti,  fai asciugare la glassa e riponi in una scatola al riparo dalla umidità.




Foto di Valentina




Il Calendario dell'Avvento termina con questa ricetta, 
ora è il momento di augurarti
un Sereno Natale, 
tra le persone che ami e che ti amano.
 Un abbraccio.
Sandra ♥












SHARE:

lunedì 23 dicembre 2013

Veneziana




















La Veneziana di Renato Bosco

La veneziana è uno dei tanti dolci che vengono preparati in occasione del Natale.
Ho pubblicato dolci natalizi che arrivano da paesi lontani e dolci  tipici della mia
nazione. Oggi  pubblico un dolce poco conosciuto oltre la mia regione di appartenenza.
Nasce con pochi ingredienti, una semplice pasta di pane arricchita di burro e uova,
via via trasformato dal benessere, ma la ricetta, pur se diversa in piccoli particolari
o quantità, tale è rimasta. Questa è la versione di Renato Bosco, maestro e ricercatore,
raccolta e raccontata da Eva del blog Fables de Sucre, da me riprodotta, quasi fedelmente.

























Ingredienti per una veneziana da cuocere in stampo alto da 1 chilo
Primo impasto
Zucchero g 90
Acqua g 50
Tuorli 3
Lievito madre g 100
Farina manitoba g 200
Tuorli 3
Acqua g 40
Burro morbido g 75

Nella ciotola della planetaria metti lo zucchero, l'acqua e 3 tuorli, sbatti con una frusta per
amalgamare, poi unisci il lievito a pezzetti e la farina. Monta il gancio e impasta fino a che
avrai un impasto liscio. Ora  aggiungi un tuorlo alla volta, senza unire il successivo se il
precedente non è stato assorbito, poi l'acqua e infine il burro in tre immissioni. Imburra
un contenitore capiente, l'impasto dovrà triplicare, poni a lievitare a 24° per 12/14 ore.

Secondo impasto
Tutto il primo impasto
Farina manitoba g 75
Panna fresca g 25 ( fredda di frigorifero)

Assembla tutti gli ingredienti seguenti in una emulsione

Zucchero g 15
Miele di acacia g 20
Tuorli 2
Sale g 6
Vaniglia semi di 1 bacca
Burro morbido g 30

Versa nella ciotola della impastatrice l'impasto lievitato, mescola col gancio ad uncino per
riprendere l'incordatura, poi versa la farina e la panna. Una volta che l'impasto avrà assorbito
questi ingredienti, unisci l'emulsione un cucchiaino alla volta, fermati spesso per non scaldare
l'impasto, lavora a bassa velocità fino a che l'impasto si avvolgerà al gancio e lascerà pulita la
ciotola. Copri e lascia riposare per 30 minuti. Versa sullo spiano e lascia scoperto per 15
minuti, arrotonda con le mani imburrate, lascia riposare ancora 15 minuti, arrotonda di nuovo
e infine, poni nel pirottino. Copri e lascia  lievitare fino a 4 cm dal bordo, accendi il forno statico
a 165 °. Nel frattempo , incidi a croce la sommità della cupola, alza i lembi separandoli con una
lametta, metti una noce di burro, riposizionale "orecchie" e inforna spruzzando poco vapore
sulle pareti del forno. Posiziona il pirottino sulla tacca più bassa del forno, la veneziana cresce
molto in altezza. Cuoci per 45/50 minuti, verifica la cottura inserendo uno spaghetto al centro
del dolce, deve uscire asciutto. Sforna, infilza alla base dei ferri da calza, capovolgi e lascia
raffreddare in questa posizione per 2 ore, poi potrai riporre in un sacchetto per alimenti.
Sarà al suo meglio dopo 24/48 ore, il tempo necessario per permettere l'"assestarsi" dei profumi.





Foto di Valentina













SHARE:

domenica 22 dicembre 2013

Il panettone
























Panettone a lievitazione naturale : ricetta di Leonardo di Carlo.


E' il suo momento, è il dolce più amato da tutti i panificatori,
 il più temuto, il banco di prova estremo. 
Mai come in questo periodo è vivo il ricordo dei miei primi panettoni, 
le ansie, i timori, le notti passate con la sveglia ogni 3 ore per controllare 
un impasto, termometro alla mano, Cosa non si fa per una cupola!!.
..poi , col tempo, le cose cambiano.. .
però quest'anno, grazie Damiano e al suo entusiasmo, 
si è riaccesa la fiammella e non ho potuto fare a meno di cimentarmi , 
anzi , ora vorrei  continuare all' infinito!


























Non ti scrivo la ricetta, qui è descritta perfettamente ed io l'ho presa come riferimento.
Ti racconto quello che , nel tempo, ho imparato sul panettone.
Ho imparato che gli ingredienti fondamentali per preparare il panettone sono la pazienza, il tempo,
lievito in ottima forma e farine adatte. Se anche uno solo di questi ingredienti ti manca, sappi che non è sostituibile. Se anche hai tutti gli ingredienti che ti ho descritto, sappi che non è detto che la ricetta ti riuscirà. L'impasto ha bisogno di calore per crescere, ma non troppo. La temperatura del forno dovrà arrivare al cuore, senza bruciare. Dovrai lasciarlo a testa in giù a raffreddare e non potrai aprirlo prima di tre o quattro giorni o i profumi non avranno il tempo di amalgamarsi. Ma se tutto andrà bene... ☺


Foto di Valentina



..per la foto della fetta ci aggiorniamo dopo Natale ..

.....

Ecco l'interno . E'un panettone veramente buonissimo, morbido, profumato, equilibrato 
nel sapore,  la preparazione è impegnativa, ma il risultato ripaga abbondantemente!












SHARE:

sabato 21 dicembre 2013

Il pandoro






















Il Pandoro di Rolando Morandin 

E' il mio primo pandoro. Fino ad un mese fa non avevo lo stampo, ed ero giustificata.
Non ho lo stampo, non posso fare il pandoro, semplice.
Poi, in un impeto di coraggio, o forse di incoscienza? ho preso lo stampo.
E ora viene il bello : che ricetta fare?  ..no, non ancora... non sono pronta..
e se il pandoro mi fa penare quanto il panettone?
Perché mica è stata una passeggiata imparare il panettone, eh!

..oh... sono stata graziata, credo.


La ricetta viene dal blog di Martina : me ne sono innamorata appena l'ho visto.
Martina non è entusiasta del sapore del pandoro fatto in casa, io lo adoro,
 l'ho fatto assaggiare  a tutta la famiglia ed il giudizio unanime è stato,
 per dirla con le parole di mia mamma 
" l'é de tutte e bontà!"

Ingredienti per il primo impasto

Farina per panettone g 200
Zucchero g 88
Acqua g 80
Tuorli g 125
Lievito madre g 100
Burro g 100

Idrata lo zucchero con 50 g di acqua. Versa nella ciotola dell'impastatrice i tuorli, il lievito
e uno spolvero di farina, monta la frusta a foglia e sciogli il lievito, unisci ora lo zucchero
sciolto nell'acqua e la farina. Lavora lentamente cercando di avere sempre un impasto coeso.
Incorpora il burro in tre riprese. Se il tuo impasto lo richiede unisci i 30 g di acqua rimanenti.
Metti l'impasto a riposare in un contenitore in cui possa triplicare a 24°, per almeno 12/14 ore.
Prepara una crema pasticcera soda come fai di solito e riserva  per il secondo impasto.

Ingredienti secondo impasto

Tutto il primo impasto
Farina per panettoni g 100
Crema pasticcera g 50

Assembla tutti gli ingredienti seguenti in una emulsione

Burro g 85
Burro di cacao g 15
Tuorli g 25
Miele di acacia g 20
Zucchero g 20
Sale g 6
Semi di 1 bacca di vaniglia

Ammorbidisci il burro con il burro di cacao nel microonde, unisci tutti gli altri ingredienti
e sbatti con un cucchiaio finché amalgamati. Metti nella ciotola dell'impastatrice l'impasto
della sera prima, monta il gancio e riporta ad incordatura lavorando a bassa velocità.
Unisci i due terzi della farina, lavora finché ben incorporata. Ora procedi con l'immissione
di un cucchiaino di emulsione ed un cucchiaino di farina fino ad esaurire gli ingredienti.
Non inserire il successivo finché il precedente non è stato assorbito.Porta ad incordatura.
Trasferisci l'impasto su spiano imburrato, arrotonda , copri e lascia riposare un'ora.
Arrotonda nuovamente e poni in stampo ben imburrato con la chiusura in basso.
Fai lievitare a 24° fino a che arriva al bordo dello stampo.
Inforna a 170° statico per 50/55 minuti. Se non hai un termometro verifica la cottura
inserendo uno spaghetto al centro , dovrà uscire asciutto. Sforma appena lo stampo
si intiepidisce, fai raffreddare completamente e , se ci riesci, attendi qualche giorno
prima di consumarlo. Si conserva a lungo in sacchetti per alimenti spruzzati'd'alcool.




Foto di Valentina









SHARE:

venerdì 20 dicembre 2013

Lussekatter


Lussekatter

Dopo un dolce tedesco  tipico delle festività natalizie, un dolce svedese.
che viene preparato per  celebrare Santa Lucia,   portatrice di Luce.




Fonte : Pane & Companatico

Ingredienti per 12 briochine
Farina 0 g 250
Lievito madre g 80
Latte g 150
Uovo medio 1
Zucchero g 60
Burro g 60
Zafferano 1 pizzico
Cardamomo 6 bacche
Sale 1 punta di cucchiaino
Per la finitura
Albume 1
Uvetta q.b.

Sciogli il lievito con l'uovo e metà del latte. Riscalda il latte rimanente e versa lo zafferano, lascia
in infusione, nel frattempo unisci metà farina all'impasto di uova e lievito.Filtra il latte.
Versa lo zucchero nell'infuso e mescola per scioglierlo. Unisci il latte zuccherato e aromatizzato
al composto insieme all'ultima parte di farina, poi il burro e i semi di cardamomo pestati, per ultimo
aggiungi il sale. Impasta fino ad avere un composto liscio e setoso, imburra un contenitore , metti
l'impasto a riposare coperto fino al raddoppio. Spolvera di farina uno spiano, dividi l'impasto in 12
porzioni . Allunga ogni porzione fino ad avere un cordone di 20 cm circa , arrotola ogni estremità
nel senso contrario all'altra, otterrai delle S che poserai su una teglia ricoperta di carta forno distanti
fra loro. Fai lievitare coperte fino al raddoppio del volume. Prima di cuocere spennella con albume
e poni uno o più chicchi di uvetta alle estremità dei dolcetti. Inforna a 190° per 20 minuti o fino a che
i dolci sono dorati. Sforna e metti a raffreddare su una gratella. Buonissimi tiepidi, col passare dei
giorni perdono un poco la fragranza, che ritrovano se riscaldati  prima del consumo.



Foto di Valentina










SHARE:

giovedì 19 dicembre 2013

Couronne Bordelaise




Couronne Bordelaise


Il secondo "compito" per il mese di dicembre  alla "Ecole de Boulangerie" 
è questa magnifica corona di pane, l'aspetto è degno della tavola più bella, 

anche imperfetta è, per me, bellissima!



Ingredienti
Lievito madre ( scarti di rinfreschi) g 90
Acqua tiepida g 90
Sciogli il lievito nell'acqua, copri e lascia riposare per 1 ora.
Ingredienti totali
Il lievito preparato
Farina integrale g 120
Farina 0 g 280
Acqua g 200
Sale g 9

Versa nella ciotola dell'impastatrice le farine mescolate tra loro, il lievito, l'acqua e 
aziona la frusta a foglia finché avrai un composto che sta insieme, unisci il sale e 
impasta ancora per assorbirlo. Versa ora l'impasto in una ciotola capiente e, usando
una spatola fai un giro di pieghe in ciotola : prendi un lembo dal bordo, porta a l centro
e premi, continua fino a completare il giro. Ripeti altre tre volte a distanza di dieci minuti.
Dopo l'ultima piega, copri con pellicola e lascia lievitare per 1 ora al tiepido.
Passato il tempo, passa l'impasto su uno spiano infarinato, dividi in 6 porzioni da 100 g
e forma delle palline, copri , e con l'impasto rimanente, stendi un cerchio .
Io ho formato e poi capovolto perché mi piace l'effetto delle punte sulle palline,
ma se segui il video della formatura non seguire le istruzioni successive.
Infarina un canovaccio, ponilo in uno stampo da 24 cm , metti al centro una ciotola di
15 cm di diametro, rivestila con la pasta che hai steso in precedenza, poni tutt'attorno
le palline. Con un coltellino affilato, taglia in 6 spicchi la pasta sulla sommità della ciotola
e porta ogni punta sopra ogni pallina. Ora dovrai capovolgere su un altro stampo coperto
da canovaccio infarinato in modo da avere le punte sotto, metti la ciotola al centro, poco
oliata perché la pasta non attacchi, copri e lascia lievitare fino al raddoppio.
Togli la ciotola dal centro della corona, rovescia su carta forno e inforna per 10 minuti 
a 230°, poi abbassa a 200° e cuoci per altri 30 minuti.



Foto di Valentina













SHARE:

mercoledì 18 dicembre 2013

Lo Stollen







  • Lo Stollen

  • Il Christstollen, o Weihnachtsstollen o più semplicemente Stollen, di
  • cui si ha notizia sin dal XIV secolo, è un tipico dolce natalizio

  • originario dell 'area di Dresda e viene realizzato in tutta la Germania.

  • Ingredienti
    Farina 0 g 100
    Farina 00 g 150
    Lievito madre g 90
    Latte di soia g 125
    Zucchero g 60
    Burro g 100
    Cannella 1 cucchiaino
    Cardamomo semi di 5 bacche
    Vaniglia in polvere 1 cucchiaino
    Uva passa g 60
    Arancia candita g 60
    Mandorle con la buccia g 60
    Rum scuro q.b.
    Sale 1 pizzico
    Finitura
    Burro  fuso g 40
    Zucchero a velo q.b.




    Metti in una ciotolina l'uvetta lavata e copri a filo col rum. Taglia i canditi a pezzetti piccoli ,
    trita grossolanamente le mandorle e metti da parte. Spela le bacche di cardamomo e pesta
    i semi nel mortaio. Nella ciotola dell'impastatrice mischia le farine e lo zucchero, metti al centro
    il lievito madre e versa il latte leggermente intiepidito, aziona la frusta a foglia, lavora fino ad
    avere un composto omogeneo, unisci il burro con la cannella , la vaniglia e il cardamomo in
    tre volte , unendo la dose successiva solo dopo che la precedente è stata assorbita. Per ultimo
    aggiungi il sale e incorda bene. Preleva dall'impasto all'incirca 140/150 g e metti da parte.
    Stendi la pasta restante e incorpora l'uvetta , i canditi e le mandorle poi forma un filone
    Prendi la pasta lasciata da parte, stendi col mattarello in un rettangolo sottilissimo, avvolgi
    il filone lasciando la chiusura sotto, avendo cura di imprimere col mattarello un solco a metà
    dello stollen, tipico di questo dolce. Io ho avvolto lasciando la chiusura in alto, se decidi di farlo
    anche tu, dovrai sigillare molto bene, rischi che, come è successo a me, si apra in cottura.
    Posiziona il dolce su un foglio di carta forno, alza i lati e, con la cucitrice, fissa i quattro angoli
    lasciando lo spazio per la lievitazione. Infila in un sacchetto per alimenti e lascia lievitare fino al
    raddoppio. Cuoci a 180° per 50 minuti. Sforna il dolce, senza toglierlo dalla carta forno, spennella
    di burro fuso, e spolverizza abbondantemente di zucchero a velo. Togli la carta forno e avvolgi
    con la pellicola. E' necessario che  il dolce riposi coperto qualche giorno ( addirittura settimane )
    per permettere ai sapori di amalgamarsi.



    Questa dolce  va alla raccolta di Panissimo,  idea della Sandra e della Barbara
    Nel  mese di dicembre tutti a casa di Barbara con i lievitati per Natale!

    panissimo a casa mia





    Foto di Valentina









    SHARE:

    martedì 17 dicembre 2013

    Biscotti pacco regalo





    Biscotti pacco regalo 

    Ingredienti per i biscotti
    Farina 00 g 200
    Burro g 100
    Zucchero a velo g 50
    Acqua fredda ml 40
    Ingredienti per decorare
    Pasta di zucchero 
    Gelatina di albicocche
    Glassa 




    Nella ciotola della planetaria inserisci la farina e lo zucchero setacciati,
    il burro tagliato a cubetti, aziona la frusta a foglia e mescola fino a ridurre
    il burro a pezzetti quasi inesistenti. Aggiungi l'acqua fredda e lavora solo
    il tempo necessario a compattare tutto. Poni in frigo  per un'ora.
    Riprendi l'impasto, maneggialo qualche secondo per renderlo malleabile,
    poi stendi col mattarello a 3 mm. Ricava le forme che preferisci, metti
    da parte i ritagli che impasterai tutti insieme. E' una frolla che mantiene
    bene la forma in cottura, adatta ad essere ricoperta con pasta di
    zucchero, purché la si lasci riposare in frigorifero una volta formati i
    biscotti, per un tempo anche lungo, è importante  che sia fredda per
    l'entrata in forno. I ritagli non hanno le stesse caratteristiche, dovrai
    stenderli da soli e, se vuoi ricoprirli, ti consiglio una glassa di zucchero.
    Cuoci in forno preriscaldato a 180° fino a leggera doratura, poni a 
    raffreddare su una gratella e nel frattempo , prepara la glassa con
    qualche cucchiaio di zucchero a velo sciolto in pochissima acqua.
    Io ho usato della pasta di zucchero pronta, l'ho tagliata con la forma
    usata per i biscotti, ho spennellato con gelatina e fatta aderire. Ho
    poi decorato con glassa, certo non sono perfetti, ho ancora molto da 
    imparare , ma li trovo così natalizi che sorvolo sulle imperfezioni ..


    Foto di Valentina










    SHARE:

    lunedì 16 dicembre 2013

    Pane pita






    Pane pita 

    L'avevo detto, anzi , scritto : mi sarebbe piaciuto pubblicare un giorno 
    un dolce ,un giorno un pane, ebbene,  finché il forno mi assiste, o finché c'è
    una qualche congiunzione astrale benevola, io inforno pane! 
    Dal libro " Come si fa il pane" la ricetta di un pane facile e divertente. 
    Visto che  in questo periodo ho abbondanti rinfreschi di lievito madre 
    da smaltire, ne ho fatti fuori un po,adattandolo alle dosi indicate dal libro.

    Ti ricordo che i tempi non sono gli stessi, come sempre il lievito di birra è più veloce!





















    Ingredienti per 6 mini pita
    Farina 0 oppure 00 g 200
    Acqua calda g 120
    Lievito fresco g 2 oppure secco g 1

    In una piccola ciotola mescola farina e sale. In un'altra ciotola , più grande, versa il lievito 
    e l'acqua, mescola finché è sciolto, unisci la farina col sale , mescola fino a formare un impasto. 
    Copri la ciotola più grande con la più piccola e fai riposare 10 minuti. Passato il tempo fai le 
    pieghe in ciotola, cioè prendi con le mani un lembo di pasta dal bordo, alzalo e portalo al 
    centro, premi e ripeti facendo tutto il giro dell'impasto, copri e ripeti questa operazione altre 
    tre volte  ad intervalli di 10 minuti. Dopo la terza piega copri e lascia lievitare un'ora. 
    Sgonfia l'impasto, trasferiscilo su uno spiano infarinato, dividi in 6 porzioni uguali . 
    Forma una pallina con ogni porzione, copri e lascia riposare per 10 minuti. 
    A questo punto accendi il forno a 240° e scalda una teglia posizionandola a metà.
    Stendi ogni pallina col mattarello, copri e fai lievitare 10/15 minuti, spolvera di farina e inforna.
    Cuoci finché sono ben gonfie, non importa se non saranno perfettamente tonde, l'importante
    è che si gonfino, in modo da creare quella cavità che potrai riempire con tutto quello che ti
    suggerisce la fantasia!
    Se volessi prepararle con lievito madre, dovrai fare un piccolo calcolo, ti faccio un esempio.
    Mettiamo che tu voglia usare 60 g di lievito madre, lo so , è molto , ma noi vogliamo smaltire
    rinfreschi si è detto, no? Allora  ti serviranno 160 g di farina e 100 g di acqua, procedi allo
    stesso modo per l'impasto e fai solo attenzione alle lievitazioni che potranno essere più lunghe.



    Foto di Valentina









    SHARE:

    domenica 15 dicembre 2013

    Biscotti speziati





    Biscotti speziati 

    Questo è il biscotto più profumato, che più di ogni altro evoca il Natale.
    Zenzero e cannella fanno pensare a fuochi scoppiettanti nei camini,
    a foreste ricoperte di neve, alla slitta di babbo natale che scivola nel cielo
    e, come nelle favole,  passa accanto ad una luna tonda e luminosa...




    Ricetta de il cavoletto di bruxelles
    Ingredienti
    Farina 00 g 270
    Burro g 90
    Miele g 70
    Zucchero muscovado g 70
    Zucchero semolato g 25
    Lievito 1 cucchiaino
    Cannella 1 cucchiaio
    Zenzero in polvere 1 cucchiaio
    Chiodi di garofano pestati 1 punta di cucchiaino
    Acqua g 90

    In un pentolino metti l'acqua con gli zuccheri, il miele e le spezie e porta a bollore mescolando.
    Spegni, aggiungi il burro a pezzetti e mescola fino a che è completamente sciolto.
    In una ciotola capiente mescola il lievito alla farina e unisci a filo il composto liquido ancora caldo,
    mescola con un cucchiaio fino a che è ben omogeneo, copri e fai riposare in frigo per la notte.
    Stacca dei pezzi dall'impasto e stendi su una superficie leggermente infarinata ad uno spessore
    di pochissimi millimetri per ottenere biscotti croccanti, meno sottile se ti piacciono morbidi.
    Ricava le forme che preferisci con un taglia biscotti, metti su una teglia ricoperta di carta forno
    e cuoci in forno preriscaldato a 170° o fino a leggera doratura, raffredda su una gratella e
    conserva in un contenitore chiuso al riparo dall'umidità, dureranno a lungo.


    Foto di Valentina








    SHARE:

    sabato 14 dicembre 2013

    Couronne Lyonnaise




    Couronne Lyonnaise

    Vero che è un nome bellissimo per un pane?
    Direttamente da " L' école de Boulangerie " di Panissimo,
    una  couronne di pane da portare in tavola per le feste.
























    Ingredienti per due couronne

    *Prefermento da preparare la sera prima
    Farina 0 g 140
    Acqua g 70
    Lievito madre g 30
    Impasta tutti gli ingredienti insieme, copri con pellicola e lascia riposare 10/12 ore.
    Ingredienti per l'impasto
    Tutto il prefermento
    Farina 0 g 450
    Farina integrale di farro g 25
    Acqua g 370
    Malto d'orzo 1 cucchiaino
    Sale g 12

    * Se volessi prepararla con lievito di birra, sostituisci il lievito madre con una lenticchia di lievito
     fresco, pochissimo, oppure una punta di cucchiaino di lievito secco. Gli ingredienti rimanenti del
    prefermento rimangono tali e quali.
    Preleva 120 g di acqua del totale, versa in un pentolino, sciogli la farina di farro e porta  quasi 
    ad ebollizione mescolando continuamente, poi spegni, copri e fai raffreddare.
    Nella ciotola della impastatrice versa il prefermento, il malto e metà dell'acqua rimanente, aziona
    la frusta a foglia e sciogli il tutto, unisci la farina poca alla volta alternandola al resto dell'acqua.
    Versa ora il composto che hai cotto precedentemente e lavora a lungo fino a che avrai un impasto
    liscio, morbido e non appiccicoso. Valuta se è il caso di aggiungere uno spolvero di farina, 
    incorpora quindi il sale , passa su uno spiano leggermente infarinato e lavora un poco a mano.
    Metti l'impasto in un contenitore chiuso, attendi che raddoppi, poi dividi a metà ed ogni metà in
    cinque porzioni uguali. Forma una pallina con ogni porzione, lascia riposare 10 minuti coperte.
    Riprendi ogni pallina, infarina poco la superficie all'incirca a un terzo con un attrezzo  adeguato, 
    un piccolo mattarello è ideale,  premi fino ad avere una lingua di pasta stesa sottile, prosegui
    fino a finire tutte le palline. Metti poca acqua in un bicchiere e, con un pennello, bagna poco
    la lingua di pasta lungo la circonferenza, poi alzala e copri la parte rotonda della pallina. Poni le 
    palline in due cestini foderati con  canovacci infarinati formando due cerchi di cinque pezzi.
    Cerca di metterle vicine con la lingua verso il basso, metti al centro un oggetto che funga da 
    distanziatore e lascia fino al raddoppio. Al momento di cuocere dovrai rigirare sottosopra.
    Inforna a 230° per 10 minuti, abbassa la temperatura a 200° e cuoci per  30 minuti o fino
    a che, bussando sul fondo, non sentirai un suono vuoto. Raffredda su una gratella.
    Qui il video per la formatura.
    Questa couronne va dalle ragazze di Panissimo, la Sandra e la Barbara, 
    Questo mese tutti a casa di Barbara con i pani per Natale!

    panissimo a casa mia




    Foto di Valentina










    SHARE:
    © dolce forno. All rights reserved.
    Blogger Templates by pipdig