venerdì 17 maggio 2013

Fortaja coe schie







Questa è una preparazione, una delle tante, che ho imparato grazie al mio lavoro. Spesso le clienti chiedono come possono cuocere un particolare pesce, o come mettere in tavola un buon piatto in tempi rapidi e, devo proprio dirlo, le idee non mancano mai! Oggi è stata una cliente a suggerire una ricetta che io non avevo mai assaggiato : fortaja coe schie, che tradotto dal veneto, sarebbe : frittata con i gamberetti di laguna, anche se , a dir il vero, sulla traduzione di fortaja ci sarebbeda essere più precisi, ma noi la facciamo semplice :)
Non è una ricetta per teneri di cuore, va detto. Le schie dovrebbero essere vive meglio se saltano. Fino a qualche anno fa considerato cibo da poveri perché poco costose e reperibili in quantità , col tempo sono state decisamente rivalutate. E meritatamente : le schie fritte, spolverate di sale e servite su di un letto di morbida polenta bianca, sono a dir poco deliziose!
Ingredienti per due persone
Uova 4
Schie g 200
Farina 00 g 30
Parmigiano grattugiato g 50
Latte g 150
Sale
Pepe
Prezzemolo
Olio di arachidi per friggere
Farina per infarinare



               
                                                                                                                                                               
Preparazione

Lava velocemente le schie in acqua fredda, asciugale con della carta cucina , prepara un sacchetto per alimenti con dentro un paio di cucchiai di farina, versa le schie, agita per infarinarle, scrolla la farina in eccesso e tuffale nell'olio caldo. Le vedrai cambiare colore nel giro di qualche secondo, cuociono molto velocemente, raccoglile con un mestolo forato, ponile su carta assorbente e spolvera di sale. In una ciotola sbatti le uova con una forchetta, aggiungi la farina e stempera bene per sciogliere i grumi, unisci il formaggio, il latte ed un pizzico di sale, otterrai un impasto piuttosto liquido, va bene così, lascialo riposare una decina di minuti. Scalda una padella antiaderente, versa un goccio d'olio e , dopo aver unito le schie al composto di uova, versa il tutto nella padella. Io ho preparato tre piccole frittate, ma si può cuocere tutto in una volta, usando una padella capiente. Una volta che le uova si sono rapprese, dovrai girare la frittata e cuocerla anche dall'altro lato, operazione che sarà facile se ti aiuterai con un coperchio. Spolvera di prezzemolo e pepe se ti piace.







SHARE:

24 commenti

  1. che piatto interessante!!! mai visto giuro! ammetto la mia ignoranza... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa specifica preparazione era sconosciuta anche a me :)
      Non le schie, che mi piacciono tanto! Ciao Elena:***

      Elimina
  2. ... e per noi poveri mortali che non abbiamo le schie?
    quando vengo a cena? dimmelo con un paio di giorni di anticipo che mi preparo: sto digiuna per poter assaggiare tutto!!!
    baci tesoro bello!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari fosse vero Sandrina!! La laguna veneta non ha solo le schie, c'è un'altra specialità unica al mondo: il granchio da moleca,una volta nella vita bisogna provare anche quello assolutamente :)
      Un abbraccio stretto :***

      Elimina
  3. A me piace molto... ma non riesco molto a guardare la preparazione, ehehe! :) Ho il cuore tenero in effetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho imparato che se si apprezza veramente, se si rispetta l'animale ed il suo sacrificio..insomma non posso dire di essere tranquilla, ma cerco di pensare questo mentre lo preparo :)
      Ciao Antonella :**

      Elimina
  4. da vedere è buona, molto buona ma non credo che io possa mai prepararla soprattutto con il pesce vivo, l'ultima volta che l'ho comprato io e mia figlia ci siamo barricate ad aspettare mio marito che ci venisse in aiuto, un bacione e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi immagino tuo marito :D
      Ciao Paola, un bacio grande :***

      Elimina
  5. Mai mangiata nemmeno io ma conosco benissimo le schie! Le ho mangiate appunto su un letto di polenta bianca e morbida! Mamma che bontà. Io adoro il pesce ma qui non è facile trovarlo fresco e costa un occhio della testa!
    Avevo una parente che abitava a Venezia e spesso andavo a trovarla e mi faceva dei piatti meravigliosi con il pesce fresco ... che bei ricordi che mi hanno risvegliato il tuo piatto. Ciao Sandra, un mega bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questo mi rende felice, niente è buono come un piatto legato ad un bel ricordo :)
      E' un vero peccato che il pesce fresco non sia facile da trovare da te, anche perché non è detto che costoso sia sinonimo di buono, non sempre ..
      Un abbraccio Terry :*

      Elimina
  6. E si mangia con tutta la buccia??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, non si scarta nulla, in particolare in questa preparazione.
      La cottura con le uova ed il latte ammorbidisce ulteriormente questo piccolo crostaceo, non disturba e non si sente per niente la "buccia"
      Se capiti dalle mie parti non c'è ristorante che non le prepari, magari ti va di assaggiarle :)
      Ciao cara, un bacio:*

      Elimina
  7. Una delizia,non so che altro commentare,amo i crostacei ma purtroppo evito anche di farli entrare in case per via di una bella intolleranza di mio marito,che soffre a non poterle gustare....pazienza!!!
    ho visitato la tua pagina facebook....auguri per tutto Sandrina ;)
    Z&C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può scherzare con le intolleranze, fai bene Ketty..
      Grazie per la tua visita , un bacione grande :*

      Elimina
  8. mmmm...Sandra adoro le schie!! Di solito le mangio con la polentina tenera, tenera, che delizia! :P
    Un bacione e buon week-end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la polentina tenera , con un bicchiere di prosecco ..ehhh già! :D
      Bacioni Valentina :)

      Elimina
  9. Che ricetta originale ! Troppo buona ! Un bacione Sandrina bella !

    RispondiElimina
  10. Uhh sto morendo di curiosità...Sapevo dei tesori che nasconde la laguna, ma di questo no, non ne conoscevo l'esistenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Margot, se capiti da queste parti, un piattino di schie devi proprio assaggiarlo :)
      A presto cara, un abbraccio

      Elimina
  11. Dev'essere proprio buona questa fortaja! Mi hai incuriosito sulla traduzione di fortaja, hai voglia di spiegarmela?
    Concordo sulle moeche: almeno una volta in vita si devono assaggiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura , mi riservo di consultare un libro che al momento non ho con me, ma (è mia personale opinione, eh) mi sembra che tradurre "fortaja" con frittata, sia quanto meno riduttivo, insomma non si tratta di una preparazione con sole uova, non si può tradurre con omelette, o crespella, ma fortaja appunto, non frittata...si, lo so, sto a guardare il capello :D
      Quando ne so di più ti faccio sapere :***

      Elimina
  12. ma buonaaaaa, come non può piacermi sono veneta pure io! Moeche? eccezionali!!ciaoooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero veneta anche tu? bello!!Un bacione Federica :**

      Elimina

Leggo con gioia i vostri commenti , siete in tanti a farmi visita tutti i giorni e anche se lo fate in silenzio la cosa mi fa ugualmente piacere,grazie ♥

© dolce forno. All rights reserved.
Blogger Templates by pipdig