sabato 30 marzo 2013

Apfelstrudel




Un vecchio detto austriaco sostiene che la pasta strudel è pronta solo se, facendovi scivolare
sotto una lettera d'amore, se ne riescono a leggere le parole. In effetti l'unica difficoltà di questa 
pasta è stenderla sottilissima fino ad essere trasparente.

Ingredienti
Farina 00 g 250
Uova 1 piccolo
Olio di mais 2 cucchiai
Acqua calda  g 80/100 ( a seconda dell'assorbimento della farina)

Fai la fontana con la farina, rompi al centro l'uovo e unisci l'olio, mescola con la punta delle dita
aggiungendo acqua calda fino ad avere un composto morbido e poco appiccicoso.
Lavora la pasta fino a che non appiccica più, spennella di olio, copri a campana con un recipiente 
che avrai fatto scaldare in microonde e lascia riposare mentre prepari il ripieno.
Io ho tirato la pasta più che ho potuto, ma si può fare di più!


Ingredienti per il ripieno

4/5 grosse mele
Zucchero integrale 5/6 cucchiai
Spezie a piacere 
Uvetta g 100
Biscotti secchi polverizzati
Olio di mais per la finitura

Sbuccia e taglia a piccoli pezzi le mele, mettile in una padella con lo zucchero, le spezie e
 qualche cucchiaio d'acqua, dovranno cuocere, non disfarsi, all'incirca per venti minuti, poi 
unisci l'uvetta lavata e strizzata e lascia raffreddare. 
Nel frattempo riprendi la pasta, dividi a metà e stendi un pezzo alla volta, prima col mattarello, poi con le mani infarinate e molto delicatamente, passando le nocche
sotto la pasta. Quando avrai un bel rettangolo trasparente, appoggia su di un tappetino di silicone
che ti sarà utile quando è il momento di arrotolare lo strudel.Pennella d'olio, spolvera di biscotti, 
stendi uno strato di mele e uvetta, ripiega i lati verso l'interno, ad eccezione del lato di chiusura, e 
arrotola aiutandoti con il tappetino di silicone, abbi cura di tenere la chiusura sotto il rotolo.
Inforna a 180° per circa 30 minuti dopo aver nuovamente spennellato d'olio, operazione che 
andrà ripetuta per un paio di volte durante la cottura e all'uscita del dolce dal forno.



























Ho preparato con metà della pasta degli strudel monoporzione, questa è la "merenda" per il mio
"bambino" , mio marito :) Li porta con sé quando fa dei viaggi più lunghi del solito e , con uno di
questi strudel ci fa colazione. Li offro a Cristina del blog Coccole di dolcezza per il suo contest.

Il contest di Cristina










































SHARE:

venerdì 29 marzo 2013

Bastoncini di salmone



Con pochi ingredienti si può preparare un piatto molto buono, sano e perché no? anche allegro, colorato, piacevole da vedere. Sulle proprietà benefiche del salmone fresco non sto a disquisire, dico solo che ho cercato di salvaguardarle con una cottura breve e non cruenta, appena il colore passa dal rosa scuro al rosa chiaro è il segnale che va tolto dalla pentola e così ho fatto, cuocendo pezzi non grandi per garantire la cottura al cuore.
Ingredienti
Salmone fresco
Pancetta
Finocchi
Peperoni
Sale
Procedimento
Ricava dal trancio di salmone dei bastoncini di circa 10 cm, avvolgili con una fettina di pancetta inserendo un rametto di aneto o finocchietto. Io non avevo ne uno ne l'altro ed ho usato le foglie o meglio, la "barba" di un grosso finocchio. Scalda una padella antiaderente e, quando è calda, cuoci 1 minuto per lato ciascun bastoncino. Io non ho usato olio e nemmeno sale, la pancetta,  sciogliendosi, ha insaporito il pesce, ti consiglio di assaggiare e aggiustare di sale , se per te è il caso, una volta tolto dal fuoco.

Ho lessato il finocchio tagliato a spicchi, cottura al dente, passato in padella con un filo d'olio, sale e abbondante pepe. Per avere un piatto pieno di colori, ho spadellato un peperone rosso ed  uno giallo tagliati a quadretti  e conditi con poco olio e poco pepe.





SHARE:

martedì 26 marzo 2013

Ossibuchi di tacchino



































La ricetta di oggi è semplice, relativamente veloce, poco impegnativa, ma sopratutto è economica, che di questi tempi male non fa, anzi.





Ingredienti
Ossibuchi di tacchino q.b.
Cipolla 1
Carote 2
Sedano 1 costa
Porro 2
Erbe aromatiche a piacere
Olio e.v.o.
Vino rosso mezzo bicchiere
Sale 
Pepe






Scegli una capace pentola dove poter far stare la tua preparazione in un unico strato.
Pulisci le verdure e falle a grossi pezzi regolari, lava la carne e pratica dei tagli lungo i lati.
La carne è ricca di filamenti che , con la cottura, si ritirano arricciandosi , per evitarlo è
sufficiente praticare, appunto, dei tagli a poca distanza l'uno dall'altro. Sistema gli ossibuchi
nella pentola, versa intorno le verdure, irrora con poco olio, condisci con pepe e sale e le erbe
aromatiche, il tutto a freddo, poi accendi il fuoco sotto la pentola. Quando il tutto sarà caldo
aggiungi il mezzo bicchiere di vino allungato con acqua e copri a filo. Metti il coperchio e fai
cuocere per 30/40 minuti, scopri e, se il liquido rimasto è troppo, fai asciugare senza coperchio
Se ho tempo, qualche volta uso il liquido per fare una salsina da mettere sulla carne.
Filtro con un colino , aggiungo un cucchiaino di maizena, stempero bene e cuocio qualche
minuto, verso sugli ossibuchi e porto immediatamente in tavola.



Mando questa foto  a Susan per il suo evento "Mercoledì Monokromo.
Trovi le regole per partecipare qui da Cindy.






Ringrazio in questo post  Roberta del blog Il ricettario di Roberta, lei fa miracoli con le farine senza
glutine, Giulia del blog Blonde's cake  giovanissima (beata lei, sigh!) amante della pasticceria, e infine la simpaticissima Elisa del blog Per incanto o per delizia che mi hanno regalato dei premi.
Sono spiacente di non poter rispondere alle domande, spero di poterlo fare più avanti, ma ora il
tempo a mia disposizione non me lo consente. Grazie per aver pensato a me, davvero grazie ♥.





SHARE:

domenica 24 marzo 2013

Brownies




Un dolce che mi piace molto per gli ingredienti principali, cioccolato fondente e caffè, li amo!!

Brownies Cafè  Marron
Fonte : Coquinaria

Ingredienti

150 g. cioccolato fondente al 50 o al 60%
50 g. nocciole sgusciate
100 g. burro morbido 
100 g zucchero semolato
2 uova
40 g.farina
10 g. caffé solubile

Per la finitura: 

80 g. crema di marroni
100 g. cioccolato fondente al 60 o al 70%
1 cucchiaio da minestra di olio di semi di girasole

 







Procedimento

Scalda il forno a 180°. Riduci a pezzetti il cioccolato e fondi a bagnomaria, nel frattempo trita grossolanamente le nocciole. Lavora il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema morbida .
Aggiungi le uova una alla volta, la farina setacciata e, successivamente, il caffé solubile. Ora
aggiungi alla preparazione il cioccolato fuso precedentemente. Completa con le nocciole tritate.
Imburra ed infarina uno stampo rettangolare e versa l'impasto che cuocerà in forno per circa 
18/20 minuti.
Lascialo intiepidire bene prima di toglierlo dallo stampo. Una volta che il brownie è ben freddo, 
trasferiscilo su un foglio di carta forno e, con l'aiuto di una spatola, spalma  uno strato  regolare
di  crema di marroni. Mescola il cioccolato fuso all'olio e versa questa glassa sul brownie. 
Per ottenere una superficie bella liscia, aiutati con una spatola.
Metti in frigo per una decina di minuti e poi taglia a forme regolari.


































Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Chiavazza 

contest de "la Cultura del frumento"

Arrivo sul filo di lana, ma non volevo mancare all'appuntamento col contest di Molino Chiavazza
dedicato alla giornata della donna. Ho scelto di proposito un dolce apparentemente semplice.
In realtà va maneggiato con attenzione, da caldo è fragilissimo. La cottura deve essere breve e 
controllata, il cioccolato troppo cotto è amaro. I sapori sono tanti e bisogna dar loro tempo di 
amalgamarsi. E' migliore il giorno dopo. 
...un po' come noi... no?




Buona domenica a tutti!

SHARE:

giovedì 21 marzo 2013

Focaccia a modo mio



















Il post ha questo titolo perché non ho usato  una ricetta in particolare, ma ho utilizzato,
come faccio spesso,varie idee sparse nel web, e poi faccio un po' come mi sembra meglio!
Non ho mai assaggiato la "vera" focaccia, preparata con gli ingredienti maturati al sole
del sud d'Italia, comunque questa è davvero buona, mi consolo così! ☺


Ingredienti
Farina 0 g 150
Semola rimacinata g 200
Patate g 150 ( peso a crudo e al netto degli scarti)
Lievito madre g 70
Latte g 150
Olio 2 cucchiai
Sale 2 cucchiaini

Per farcire
Pomodorini
Olio
Sale grosso





Lessa la patata tagliata a pezzi in poca acqua salata.
Nella ciotola dell'impastatrice versa le farine ed il latte, mescola, avrai un composto "sfarinato"
che lascerai riposare per una mezz'ora. Aggiungi ora la patata fredda, ben scolata dall'acqua e
schiacciata con una forchetta, amalgama e incorpora anche il lievito madre aggiungendolo al
composto a piccoli pezzi. Non cedere alla tentazione di aggiungere liquidi anche se l'impastatrice
fa una discreta fatica, piano piano il composto si amalgamerà, ora aggiungi l'olio ed il sale e
lavora fino ad avere un bell'impasto liscio. Trasferisci il tutto in un contenitore oliato e attendi
il raddoppio. Ungi una teglia da forno, stendi l'impasto aiutandoti e ungendo spesso le mani con
l'olio, copri e fai nuovamente lievitare. Accendi il forno a 220°, farcisci la focaccia, versa un
cucchiaio d'olio sulla superficie e, appena il forno è in temperatura, inforna nella parte bassa,
gettando l'equivalente di un bicchiere d'acqua su di una teglia appoggiata sul fondo del forno.
Cuoci per 20/25 minuti.



























Con questa ricetta partecipo al contest di Claudia del blog Carotina abbrustolita

IL MIO PRIMO CONTEST

Claudia chiede di raccontare qualcosa sul proprio lievito. Io posso dire che non solo è buono, ma è anche molto "forte", sopporta giorni di "digiuno" al freddo e giorni di "abbuffate" se decido di
produrre più del solito, nonostante tutto non ha mai odore sgradevole e non mi dà mai 
prodotti acidi, è davvero un bravo lievito! L'ho avuto da un pasticciere, qualche anno fa...
e , da allora, non ho mai smesso di usarlo e di trarne soddisfazioni. Certo , si può usare 
il lievito di birra per tutte le preparazioni, ma non si ottiene lo stesso prodotto, di questo
sono assolutamente certa!




SHARE:

mercoledì 20 marzo 2013

Crostata con ricotta



La crostata con ricotta è uno dei dolci più gettonati nelle mezze stagioni (ma anche in quelle intere) tra i miei "consumatori abituali"  :D Visto che ieri era la festa del papà e, nel caso mio, anche l'onomastico del papà dei miei figli ho preparato il dolce, che poi  è solo  una crostata, ma a loro piacciono i dolci semplici!

Ingredienti per la pasta
Farina 00 g 300
Zucchero semolato g 110
Buccia di arancia grattugiata 1 cucchiaio
Burro g 150
Uovo medio 1
Tuorlo  di uovo medio 1
Lievito per dolci 1/2 cucchiaino da caffè

Ingredienti per la farcia
Ricotta di pecora g 500
Zucchero semolato g 110
Uovo medio 1
Buccia di arancia grattugiata 1 cucchiaio
Rum 1 cucchiaino
Cioccolato in gocce g 100





Prepara la frolla, mescola farina,  zucchero, lievito e buccia d'arancia , poi taglia il burro freddo a pezzetti e "sfregalo" con le polveri, otterrai un composto simile al pane grattugiato. Ora unisci l'uovo e il tuorlo, amalgama velocemente, fai una palla , coprila e lascia riposare mentre prepari la farcia. In una ciotola setaccia la ricotta, oppure, come ho fatto io lavora col minipimer , aggiungi lo zucchero, l'uovo, l'arancia e il rum . Quando è diventata una crema soffice incorpora  le gocce di cioccolato, mescola giusto il tempo che serve per distribuirle altrimenti coloreranno la crema. Stendi la frolla nello stampo, versa la crema , livella con la spatola, prepara dei decori con la frolla avanzata e inforna a 180° posizionando il dolce a metà forno. Cuoci per 30 minuti , o fino a che la pasta frolla è ben dorata. La riuscita e la bontà del dolce dipendono  esclusivamente dalla qualità di ricotta che userai, più di buona qualità e asciutta sarà la tua ricotta , più buono sarà il tuo dolce.



Con questo dolce partecipo al contest di Morena "Un dolce al mese"









SHARE:

venerdì 15 marzo 2013

martedì 12 marzo 2013

Eclair, et voilà !



Per me la pasta choux è uno spauracchio. Mi piace, mi piace molto, ma finora è stato un
insuccesso dopo l'altro. Una volta è dura, un'altra volta si ammoscia subito... saranno gli
ingredienti? O la proporzione tra loro? Mah! Sarà la cottura? La cottura  è migliore con
forno chiuso oppure con forno aperto? Boh! Ho provato, oh sì, ne ho provate di ricette!
Non ho  trovato  la ricetta giusta per me.  Fino ad ora .
Questa è riuscita al primo colpo. Consistenza? Giusta! Cottura? Perfetta!E io sono felice:)



Eclair vanille
Fonte :  Ladurèe Dolce

Ingredienti copertura

Burro  freddo g 100
Farina 00 g 125
Zucchero semolato g 125
Vaniglia 

Ingredienti pasta choux

Farina 00 g 120
Latte intero g 100
Acqua g 100
Zucchero semolato g 10
Sale 1 pizzico
Burro g 80
Uova grandi 4

Crema pasticcera alleggerita

Latte intero g 400
Tuorli d'uovo 4
Zucchero semolato g 80
Amido di mais g 30
Burro g 25
Vaniglia in bacca 1
Panna fresca g 250






Procedimento

Mescola farina, zucchero e vaniglia , taglia il burro a pezzetti, amalgama, compatta in una palla,
metti in frigo fino al momento dell'utilizzo.
Accendi il forno a 180°. Metti l'acqua , il latte e il burro in un pentolino e porta lentamente ad 
ebollizione, aggiungi la farina , lo zucchero ed il sale  tutto insieme, mescola con un cucchiaio
di legno finché il composto si unisce in una palla .
Trasferisci tutto in una ciotola e mescola per raffreddare, poi aggiungi un uovo alla volta senza
unire il successivo se il precedente non è ben amalgamato, alla fine la pasta dovrà essere lucida
 e liscia. Riempi una sacca da pasticceria con una bocchetta da 2,5. Prepara un foglio di carta
forno su una teglia e disponi delle strisce di pasta di 10 cm di lunghezza, avendo cura di tenere
almeno 10 cm di distanza tra una e l'altra. A questo punto togli la copertura dal frigo, rendila
morbida maneggiandola un attimo, poi stendila sottile, e tagliala a rettangoli lunghi 12 cm  e
larghi 4 cm, che posizionerai sopra gli eclair.



Cuoci per 10 minuti, poi usa il manico di un mestolo per tenere leggermente aperta la porta 
del forno e cuoci per altri 20 minuti , o fino a che vedi che i dolcetti sono ben gonfi e dorati.
Metti a raffreddare su una gratella e nel frattempo prepara la crema  per riempirli.
Sbatti uova e zucchero, aggiungi la farina  e continua a montare fino ad avere un composto 
chiaro. Nel frattempo porta a bollore il latte con la vaniglia, versa il latte nella montata di uova
e farina, mescola bene per sciogliere tutti i grumi, versa nella casseruola dove ha bollito il latte
e porta nuovamente ad ebollizione mescolando continuamente Spegni e lascia raffreddare per
10 minuti, poi unisci il burro mescolando energicamente, copri con pellicola a contatto  e lascia
raffreddare. Poco prima di farcire gli eclair monta la panna, aggiungila alla crema mescolando
con una spatola e con delicatezza per non smontarla. Riempi una sacca da pasticceria munita
di una bocchetta lunga e riempi i dolci bucando il fondo in tre punti . Decora con abbondante
zucchero a velo . Si possono farcire in anticipo, in frigo si mantengono bene per un giorno.

Con questo dolce partecipo al Giveway di Vale
per festeggiare il suo primo anno da blogger 

Il mio 1° Giveaway

Vale, tu sei una bravissima pasticcera e, forse, per te questo è un dolce molto semplice
ma, per me, è il dolce della sfida, quello che non mi riusciva mai. 
Ti regalo con affetto quello che io considero un traguardo raggiunto, una mia piccola gioia.
















































SHARE:

domenica 10 marzo 2013

Filoncini


























Preparo il pane spesso, è la mia attività preferita, lavorare farina e acqua , aspettare che
l'impasto lieviti, cuocere e sentire il profumo che, già da solo, è un incanto, mi piace  troppo!
Dicevo, preparo il pane quasi tutti i giorni, ma ultimamente sembro una che deve fare
scorta neanche dovesse capitare chissà cosa! Preparo, mi accorgo che è troppo , allora affetto
e congelo, però non mi piace tanto congelare il pane e allora distribuisco a destra e a manca e ricomincio! Una giustificazione ce l'ho, non sono proprio andata, non ancora o non del tutto :)
Sto cercando di trovare un metodo per organizzarmi per l'estate, i miei impegni
aumenteranno , dovrò stare fuori casa per molto tempo e avrò ancora meno tempo per fare
quello che mi piace di più e cioè sperimentare, sperimentare e sperimentare!!
E , a proposito di esperimenti, ho letto in più parti dell'uso di "starter" molto idratati ,
ho provato e con il  metodo descritto ho constatato che si accorciano in modo considerevole
i tempi di lievitazione e per me è una buona cosa, il  tempo non basta mai!






Ingredienti per i lieviti
1)
Farina manitoba g 60
Acqua g 60
Lievito madre g 20
2)
Farina 0 g 100
Acqua g 170
Lievito madre g 20

In due ciotole capienti e separate frulla il lievito madre con l'acqua , aggiungi la farina,
copri e lascia riposare per 8/10 ore a temperatura ambiente.

Impasto
I due lieviti
Patate crude grattugiate g 150
Malto d'orzo g 10
Farina integrale g 50
Farina 0 g 250
Acqua g 50
Sale g 9



Nella ciotola dell'impastatrice versa le patate grattugiate , il malto e i due lieviti, mescola,
aggiungi la farina integrale, mescola , aggiungi la farina O e l'acqua, mescola ancora fino
a che tutta la farina è bagnata, poi copri e lascia riposare 20 minuti.
Monta il gancio e inizia ad impastare, se vedi che il tuo impasto è "stracciato" copri e lascia
riposare altri 20 minuti. Impasta fino a che il composto è legato, immetti il sale e porta ad
incordatura, la ciotola deve essere pulita e l'impasto ben elastico e setoso.
Fai una serie di pieghe su una superficie oliata , metti a riposare in un contenitore chiuso e
ripeti dopo 30 minuti, dopo di che lascia lievitare fino al raddoppio abbondante.
Rovescia l'impasto su una superficie spolverata di semola, dividi in tre pezzi, arrotola
su stesso ogni pezzo e metti a lievitare nuovamente su uno strofinaccio posto in un cestino
con la chiusura in alto. Separa i filoncini con degli asciuga-piatti arrotolati tra l'uno e l'altro.
Accendi il forno per portarlo alla massima temperatura, inforna rovesciando le forme su
refrattaria, getta un bicchiere d'acqua su una teglia posta sul fondo del forno per fare vapore
e abbassa la temperatura a 200° dopo dieci minuti. Continua la cottura per 25/30 minuti o
fino a che , bussando sul fondo, sentirai un suono inconfondibile: il pane è cotto!!
Poni a raffreddare  su una gratella , così che l'aria che circola attorno alle pagnotte le
asciughi completamente.














































Mando questa foto a Cindy , padrona di casa di questa settimana, 
per l'evento "Mercoledì Monokromo", rassegna di foto di qualunque
cosa inerente il cibo, purché in bianco e nero.







Buona domenica !



SHARE:

giovedì 7 marzo 2013

Biscotti da latte










































Oggi è giovedì di metà Quaresima. Non mi sembra che venga ricordato ai giorni nostri,
forse perché appartiene ad altre generazioni, oppure perché non è noto ai più, non so.
In tempi non così lontani, durante la Quaresima venivano osservati il digiuno e l'astinenza,
ma quaranta giorni sono tanti , perciò , arrivati a metà strada, si poteva festeggiare!
Si festeggiava per  modo di dire , ovviamente, mica banchetti, si preparava un dolce,
così mi hanno raccontato, un dolce semplice fatto con gli ingredienti presenti nelle case.
Mia mamma ci tiene a questa tradizione, quasi ogni anno prepariamo insieme le creme,
so che oggi avrebbe voluto preparare qualcosa, ma ha avuto un impegno imprevisto.
So che  tiene a  mantenere vivi questi ricordi, per insegnare ai suoi nipoti.
Penso che sia una cosa bella, così per il mio papà e la mia mamma ho preparato i biscotti.
Sono biscotti molto semplici, poco zuccherati e ben cotti, proprio come piacciono a lui,
e li ho preparati con la ricetta della mia mamma.



Ingredienti

Uova medie 4
Zucchero semolato 8 cucchiai rasi  ( per il mio gusto meglio 12 )
Burro fuso g 100
Farina 00 g 600/650
Latte tiepido g 100
Ammoniaca* per dolci g 20
Lievito per dolci 1 cucchiaino
Buccia grattugiata di mezzo limone
Vaniglia a piacere
Sale un pizzico
*Si acquista in farmacia.





Sbatti le uova con lo zucchero ed il sale, aggiungi il burro fuso e freddo, il limone e la vaniglia
e comincia ad incorporare farina, diciamo un paio d'etti, sempre mescolando con la frusta.
Scalda poco il latte, deve essere solo tiepido, versa l'ammoniaca, mescola con un cucchiaino,
farà abbondante schiuma, aggiungila al composto e amalgama. Versa ora la rimanente farina
insieme al lievito, lascia la frusta e usa la spatola aggiungendo , se serve, ancora farina fino
ad avere un impasto che puoi lavorare a mano e, quando sarà liscio, coprilo e lascia riposare
a temperatura ambiente per qualche ora. Accendi il forno a 200°. Preleva piccole porzioni di
impasto e stendi sottili col mattarello, pochi millimetri, con una rotella taglia nelle forme
che preferisci, posa su carta forno e cuoci sulla tacca più alta del forno per 10 minuti.
Sono biscotti leggerissimi, perfetti da inzuppare nel latte.






In questo post ringrazio la mia amica Terry del blog I pasticci di Terry per avermi
donato il premio Liebster Award e rispondo alle 10 domande con piacere.

1. il tuo libro preferito
La saga di Harry Potter

2. il tuo film preferito
Avatar

3. il tuo hobby preferito
Mi piace la cucina, il ricamo, l'uncinetto, tutto il faidate..

4. il tuo piatto preferito

Sono tanti, troppi! Uno dei tanti : spaghetti con le vongole.

5. la tua canzone preferita
Guantanamera

6. il tuo capo d'abbigliamento preferito
Amo le scarpe

7. Cosa non sopporti
Le bugie

8. qual'è il tuo sogno
La serenità per i miei figli

9. Ti piace il mare o la montagna
Vivo al mare e non potrei rinunciarvi, però mi piace molto anche la montagna.

10. dove ti piacerebbe viaggiare
Vorrei visitare ogni angolo d'Italia!



SHARE:

lunedì 4 marzo 2013

Pane e semi di girasole e di zucca







Ho comprato il pane... ogni tanto mi capita.  Che notiziona, dirai tu!
Effettivamente, la normalità è prepararlo da me ... e comunque, anche solo per
curiosità , assaggerei qualunque pane , ma senza ombra di dubbio!!
Il pane che ho comprato era proprio buono. Leggero, con dei buonissimi semi,
mediamente integrale, con una crosticina sottile e una mollica gustosa, proprio buono!!
..manco a dirlo ho provato a riprodurlo :)




Ingredienti
Farina 0 g 180
Farina integrale g 100
Farina 00 g 20
Lievito madre g 50
Acqua g 200 + 20
Sale 1 cucchiaino
Malto d'orzo 1 cucchiaino raso
Semi di girasole e di zucca a piacere

Procedimento
Miscela le farine , aggiungi l'acqua e mescola quel tanto che basta per bagnare, poi copri
e lascia riposare per  almeno 30 minuti . Io non guardo l'orologio, posso dimenticarmene
anche per un'ora , non succede nulla. Passato il tempo versa il lievito madre spezzettato,
il malto e, se serve, questo dipende dalle tue farine, 15/20 g di acqua. Impasta, usando il
gancio per 10 minuti, poi aggiungi il sale spolverandolo, lascia che il composto si avvolga
poi staccalo e ricomincia per un paio di volte, infine incorpora i semi lavorando bene.
Passa sulla spianatoia oliata e lavora ancora a mano , devi sentire che l'impasto è bene
incordato ed elastico. Fai una serie di pieghe, forma a palla, riponi in contenitore chiuso,
per 3 volte, poi lascia lievitare fino a triplicare. Io ho messo in frigo e ripreso al mattino.
Non era lievitato , perciò ho lasciato a temperatura ambiente per 6 ore, poi ho formato
i filoncini. Ho oliato la spianatoia, rovesciato l'impasto, diviso a metà, allargato a formare
un rettangolo, arrotolato premendo per chiudere ad ogni giro, infine spolverato di semola
e messo a lievitare in cestino con la chiusura sopra per 2 ore circa. Ho acceso il forno alla
massima temperatura, rovesciato i filoni , praticato un taglio su tutta la lunghezza e ho
infornato gettando un bicchiere d'acqua su una leccarda posta sul fondo del forno per
creare vapore. Dopo 10 minuti ho abbassato la temperatura a 200° e portato a cottura.








SHARE:
© dolce forno. All rights reserved.
Blogger Templates by pipdig