martedì 29 gennaio 2013

Pici , Toscana.





Giuseppe ed io abbiamo passato qualche giorno a Firenze, ci siamo regalati una pausa spensierata,
abbiamo visitato opere d'arte, mangiato divinamente, dormito come bambini ...
Tutto questo tra un vino "bono" e un olio "bono", tra passeggiate in una Firenze soleggiata e colline e paesaggi belli da togliere il respiro.
Abbiamo portato con noi una atmosfera serena, che ancora ci accompagna, infatti ,ieri , insieme , abbiamo preparato i pici!!
La ricetta della pasta viene da qui, dalla Patty , avrei tanto voluto partecipare anche al contest, ma
ho scoperto oggi che sono fuori tempo massimo, chiudeva alla mezzanotte di ieri, pazienza!
Ci sono piaciuti così tanto, ma così tanto...è bellissimo farli insieme , lo consiglio anche per festeggiare S.Valentino, capisciammè...   ;)




Ingredienti per la pasta per 4 persone
Farina 00 g 200
Farina di semola g 100
Olio e.v.o. 2 cucchiai
Sale q. b.
Acqua q. b.

Fai la fontana con le farine miscelate, spolvera un pò di sale sopra, al centro versa l'olio e un pò
di acqua . Usa una forchetta per miscelare , poi le mani , aggiungendo acqua man mano che la pasta lo chiede, devi ottenere un impasto morbido, elastico e asciutto, che farai riposare coperto per 30 minuti. Passato il tempo preleva piccole quantità di impasto, spianale col mattarello all'altezza di
un centimetro , taglia delle strisce che  dovrai "rollare" sulla spianatoia per ottenere dei cordoni sottili e lunghi. Spolvera di semola e continua fino a terminare tutta la pasta preparata.








Ingredienti per il condimento della pasta

Cavolo broccolo 1
Alici sott'olio 10
Aglio 1 spicchio
Olio e.v.o. 3 cucchiai
Peperoncino 1
Pane grattugiato 2 cucchiai

Metti a bollire dell'acqua salata in una capace pentola. Dividi le cimette del broccolo dal tronco.
Taglia a fette sottili la parte più tenera  del tronco,  gettale nell'acqua in ebollizione e cuoci per una mezz'ora, poi versa le cimette. Scalda l'olio in una padella, con l'aglio ed il peperoncino, aggiungi
le alici, un poca di acqua di cottura del broccolo e sciogli le alici. Con la schiumarola trasferisci
cimette e gambo di broccolo nel tegame con l'olio , rabbocca la pentola dell'acqua  e quando bolle,
versa i pici. Cuoceranno in cinque minuti.  Nel frattempo schiaccia il broccolo dentro la padella con un cucchiaio di legno, fai asciugare il fondo e trenta secondi prima di saltare la pasta aggiungi il pane grattugiato. Spadella velocemente i pici, impiatta , versa un filo d'olio "bono" e gusta caldissimi!!!



























SHARE:

32 commenti

  1. Ma che tenera Sandrinaa! <3 Un ottimo modo davvero per festeggiare, eheh ;) Che bontà questi pici, si vede che hanno valore aggiunto dell'amore vero.. deliziosi! Ti abbraccio e ti mando un bacione! Chissà che splendore la visita a Firenze... TVB!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Firenze è un sogno! ..ma tutta l'Italia nostra è magnifica..baci Ely!

      Elimina
  2. Uh buoni i pici! Li ho fatti la settimana scorsa, anche se i miei erano all'uovo. Però non avevo pensato a condirli con broccolo e acciughe... ottimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un intingolo invernale che ci stava di un bene...buoni buoni! Ciao cara!

      Elimina
  3. Ma che bel piatto e poi preparato così con tanto amore e pazienza....davvero complimenti!
    Alla prossima
    Z&C

    RispondiElimina
  4. Avete fatto benissimo a concedervi una piccola vacanza:) questo piatto e' delizioso ! Pici perfetti e condimento super ! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piccola, piccolissima vacanza..ma va benissimo così! Baci Mary!

      Elimina
  5. Che bella vacanza e che pici stupendi!!!
    A presto! Baci!

    RispondiElimina
  6. Che peccato che tu non ce l'abbia fatto a partecipare, avrebbero fatto una bellissima figura!!!

    E' uno spasso piciare, vero??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici Loredana? Mi sarebbe piaciuto , ma mi sono svegliata tardi, vabbè!

      E' uno spasso sì!! :))

      Elimina
  7. I pici rappresentano un piatto della cultura culinaria italiana ....non bisogna perdere queste tradizioni ...brava e per questo ho un regalo per te che ha proprio un significato particolare ....ciao Lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacciono davvero molto i piatti tradizionali, sono d'accordo con te , devono essere conservati e tramandati.
      Vengo a trovarti, bacio!

      Elimina
  8. Ottimi con questo condimento!!
    Bravissima Sandra!!
    Un abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmen, buona serata a te! Un bacione!

      Elimina
  9. ciao! ti scopro grazie a Simona di "tè e cioccolato", che bel blog pieno di ricette interessanti :D
    ti seguo con molto piacere
    passa a trovarmi se ti va :D
    buona serata
    sabrina
    http://mycherrytreehouse.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Sabrina, certo che passo a trovarti, molto volentieri!
      Un abbraccio!

      Elimina
  10. Questo "capisciammè" mi piace un sacco! Ahahaha! :D ;) Sandra, adoro la Toscana, i suoi paesaggi, la cucina... tutto... vorrei ritornarci al più presto! Questi pici sono bellissimi e conditi divinamente, complimenti! :D Un abbraccio forte e buona serata :) :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro! Sono contenta di averti regalato un sorriso!
      Buona serata Valentina, un abbraccio!

      Elimina
  11. Peccato tu non abbia potuto partecipare..vabbè hai fatto altro! Cri

    RispondiElimina
  12. belle le foto, se potessi farle anche per le altre ricette sarebbero di aiuto agli imbranati come me!!! complimenti per la ricetta
    ciao maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, ci provo ad accontentarti molto volentieri, è che sono sempre in lotta con il tempo, mannaggia! E vince sempre lui! Bacioni!

      Elimina
  13. Sandra...grazie per le tue parole, sei tu che hai fatto commuovere me. Questi meravigliosi Pici mi ricordano vagamente le mie orecchiette con le cime di rape, e mi commuovo di nuovo! :-)

    Ti abbraccio

    Viviana

    RispondiElimina
  14. Firenze è bellissima!
    Ma questo concerto di pici a quattro mani è perfetto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che si dice "piciare"..ma saranno malandrini 'sti toscani?
      Un bacio bella!

      Elimina
  15. noooooooo, che peccato!!! ma non è che ora non partecipi più???? sono convinta che tu e le tue ricette dareste un bel contributo all'mtc... dai, non demordere!
    e comunque sai che anche secondo me piciare ha un non so che di sentimentale e di romantico??? ;)

    quindi complimenti anche al marito, questi pici erano perfetti!... mannaggia!!!

    :***
    roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è dispiaciuto non essere in tempo per partecipare, ma ti confesso che ho soggezione ...siete tutte di una bravura strepitosa e sapete raccontare meravigliosamente !
      Piciare è davvero bello, riferirò al marito! Baci!

      Elimina

Leggo con gioia i vostri commenti , siete in tanti a farmi visita tutti i giorni e anche se lo fate in silenzio la cosa mi fa ugualmente piacere,grazie ♥

© dolce forno. All rights reserved.
Blogger Templates by pipdig