venerdì 26 ottobre 2012

Pandolce ai fiocchi d'avena








Dovevo farli fuori...
...possibilmente in modo incruento..  :)

I fiocchi d'avena ai frutti rossi. 
Lo ha fatto di nuovo. 
Ha comprato i cereali , aperto la scatola , 
assaggiati , scartati, mica scartati scartati...lasciati lì ..in stand by....



Ho pazientemente separato i frutti dai fiocchi , ridotto i fiocchi in farina, riservato i frutti, 
li userò come ripieno in un altro dolce.





Pandolce ai fiocchi d'avena

Ingredienti



Fiocchi d'avena ridotti in farina g 50 
Latte intero g 150

In un pentolino mescolare farina e latte e cuocere pochi minuti, fino ad avere una crema densa.
Far raffreddare .

Farina manitoba g 125
Farina 00 g 125
Zucchero g 50
Latte intero g 125
Lievito madre g 90
Burro morbido g 50
Sale 1 cucchiaino

Nella ciotola della planetaria ho  mescolato zucchero e farine , aggiunto il latte tiepido , il lievito
e la crema d'avena preparata in precedenza. Ho lavorato con il gancio fino ad avere un
composto legato, aggiunto il burro ed il sale  e lavorato ancora finché l'impasto si è avvolto 
attorno al gancio ed è diventato liscio e setoso. Ho messo in un contenitore imburrato e chiuso 
e lasciato riposare fino al mattino , circa sette, otto ore.
Ho diviso l'impasto in tre parti, steso ognuna col matterello, farcite con un profumato 
composto di mele,zucchero e cannella , chiuso sigillando bene e formato una treccia che ho 
messo a lievitare in uno stampo foderato di carta forno.
Per il ripieno non ho pesi , ho usato tre piccole mele a pezzetti , una noce di burro, una grattata 
di buccia di limone, un cucchiaino di cannella, quattro bei cucchiai pieni di zucchero di canna , 
circa mezzo bicchiere d'acqua e fatto cuocere fino ad ammorbidire le mele.Fatto raffreddare.

Poco prima di cuocere ho pennellato il dolce con latte tiepido e cosparso di mandorle a fettine.
Ho infornato a 180° per circa 30 minuti. Ormai per abitudine, al momento di infornare sia lievitati
dolci che salati,  io getto l'equivalente di un bicchiere d'acqua su una teglia che lascio appoggiata sul 
fondo del forno, si crea un ambiente ricco di vapore che cuoce dolcemente .
Una volta raffreddato cospargere la superficie con zucchero a velo mescolato a cannella in polvere.
Io lo faccio da me, metto anche dei pezzetti di cannella nello zucchero a velo , rimane profumato più 
a lungo. Faccio lo stesso anche con il baccello di vaniglia , con polvere di amaretti, con polvere di 
zucca essiccata ...ho una piccola collezione di zuccheri aromatizzati ...













SHARE:

domenica 21 ottobre 2012

Il conforto del cioccolato.








Ci sono giorni in cui la fa da padrone l'insicurezza, la preoccupazione..
giorni pieni di ansie, di domande, di dubbi...
poi ,senza tanto arrovellarsi ,  le risposte arrivano e sono talmente semplici, 
da farmi sentire così sollevata da non aver nemmeno voglia di darmi della sciocca!
e allora...allora ...

CIOCCOLATO!!

..consolante...voluttuoso... vellutato cioccolato...
ed un bellissimo  regalo  della mia Valentina fatto tutto da lei  solo per me .




Non è bellissima? La scritta sul retro del cartellino è
confortante quanto un cioccolatino, grazie bimba! ♥

Ma veniamo alla ricetta ..


Questa è la ricetta del salame al cioccolato di Marcy,
 io ho preparato dei bon bon.
Ho ricoperto alcuni quadratini di cioccolato rosa e azzurro
e alcuni semplicemente spolverati di zucchero a velo.


Ingredienti

500 g di biscotti secchi 
1 moka di caffè da 3 tazze (senza zucchero)
250 g di zucchero a velo
150 g di mandorle sbriciolate o 100g di amaretti
130 g di burro morbido
1 bicchierino di liquore
70 g di cacao amaro




Sbricioliamo i biscotti, aggiungiamo lo zucchero ed il cacao,
mescoliamo e, con le mani, incorporiamo il burro ed i liquidi.
Stendiamo un pezzo di carta alluminio o pellicola ,
versiamo l'impasto e cerchiamo di dare una forma a filoncino.
Mettiamo a raffreddare per una notte oppure, se abbiamo fretta,
un paio d'ore nel freeezer.
Una volta freddo tagliare a fette oppure , come ho fatto io,
glassare con cioccolato .














SHARE:

martedì 16 ottobre 2012

Pane alle erbe






Semplicemente pane.





Per aderire alla iniziativa di Zorra che, oggi, 16 ottobre 2012,
invita i blogger di tutto il mondo a preparare e cuocere un pane.







Il pane alle erbe.




Nell'impastatrice mescoliamo 450 g di farina 0 e 300 g di acqua tiepida, lasciamo riposare
30 minuti, poi aggiungiamo 50 g di lievito madre a piccoli pezzi ed un cucchiaino di miele.
Impastiamo a lungo, a bassa velocità, quando il composto è ben legato  uniamo 10 g di sale
 e due cucchiai di erbe aromatiche  miste tra salvia  rosmarino, timo, maggiorana, santoreggia.
Poniamo a lievitare con la chiusura in basso in contenitore chiuso e oliato fino al raddoppio .
Rovesciamo su spiano infarinato, formiamo a palla e lasciamo lievitare in cestino .
Al raddoppio pratichiamo dei tagli decorativi ed inforniamo alla massima temperatura
avendo cura di gettare un bicchiere d'acqua su una teglia appoggiata al fondo del forno.
Dopo dieci minuti abbassiamo a 200° e cuociamo per altri  25/30 minuti.









SHARE:

domenica 14 ottobre 2012

La brioche "Ricciolo"






Le forme della brioche non finiscono mai...




Brioche "Ricciolo"
Fonte : Tortelina



Ingredienti

Farina manitoba g 140
Farina 00 g 100
Miele g 50
Uova intere 1
Acqua tiepida g 80
Lievito madre g 60
Olio di riso o mais g 40
Sale g 3/4
Buccia grattugiata di 1 limone





Per decorare

Semi di papavero
Zucchero di canna
Latte q.b.



Inserire nell'impastatrice le farine, riservandone un paio di cucchiai da usare al momento
 dell'inserimento dell'olio, poi  l'uovo, il miele e l'acqua  e miscelare il tutto.
 Aggiungere il lievito madre a pezzetti, impastare a bassa velocità fino a che il composto
è legato, versare l'olio in due/tre volte accompagnando ogni inserimento con una 
spolverata di farina, poi il sale e la buccia di limone.
Dovremo ottenere un impasto liscio, perciò armiamoci di pazienza ed impastiamo, 
impastiamo , impastiamo!
Mettere in un contenitore oliato e chiuso e lasciare riposare al tiepido per 8/10 ore
o fino al raddoppio abbondante.
Per la formatura vi mando qui da lei , Mihaela  ha preparato panini salati.
Io amo cambiare forma alle brioche per la mia colazione, con queste dosi ne ho preparate 7
da 72/75 g ciascuna, però non sono molto grandi e sono quasi light..quasi, eh!
Niente zucchero e niente burro , sostituiti da miele e olio .
Una spennellata di latte per lucidare.
Poco zucchero di canna spolverato sopra e qualche semino di papavero per colorare.
Dopo un ulteriore riposo di 3/4 ore possiamo decorare e poi cuocere.
Forno  a 180° , io sempre con una teglia posta sul fondo su cui
versare un bicchiere d'acqua per creare vapore , per 20/22 minuti.
















SHARE:

venerdì 12 ottobre 2012

Muffin d'autunno











Gli ingredienti ci sono tutti.
Zucca , cannella e noce moscata per il  muffin più autunnale che c'é!





Muffin cuore morbido


Fonte :  Bake Space


Ingredienti

Farina 00 g 200
Zucchero semolato g 100
Cannella in polvere 1 cucchiaino
Noce moscata grattugiata 1 cucchiaino
Misto spezie per speculoos 1/4 di cucchiaino
( si può omettere)
Uova intere 2
Zucca cotta g 100
Burro fuso g 50
Lievito in polvere 1/2  cucchiaino

Farcitura 
Ricotta vaccina g 100
Zucchero a velo g 30

Copertura

 Farina 00 g 25
Zucchero semolato g 80
Cannella in polvere 1 cucchiaino scarso
Burro freddo di frigo  g 30

La preparazione si divide in due tempi,  con un pò di organizzazione, si fa quasi veloci.
 Per la verità è un muffin come forma, per il resto è un dolcetto in miniatura davvero pieno di carattere!






Almeno due ore prima :

Mescolare la ricotta con lo zucchero , diventerà molto morbida, quasi liquida, niente paura, 
la versiamo su un pezzo di pellicola e formiamo un salamino non troppo sottile.
Non importa se non è perfetto , lo mettiamo in freezer e aspettiamo che indurisca.
In una ciotola mescoliamo gli ingredienti per la copertura , con la punta delle dita , fino ad avere
un composto "sbriciolato" e mettiamo in frigo fino al momento dell'utilizzo.
In microonde o , ancora meglio, in forno , cuociamo la zucca finché è tenera , la schiacciamo
bene per ridurla in purè e lasciamo raffreddare.








Preparazione

Accendiamo il forno a 180°. Inseriamo i pirottini di carta nelle forme di metallo.
Prepariamo miscelati  gli ingredienti secchi , cioè la farina , il lievito e le spezie .
Sbattiamo zucchero e uova , aggiungiamo la zucca ed il burro fuso e infine le polveri, 
mescolando quel tanto che basta per assemblare.
Mettiamo un cucchiaio di impasto in ogni pirottino, tagliamo a rotelline la ricotta fredda,
poggiamo una rotella al centro di ogni  muffin premendo leggermente e ricopriamo con
un altro cucchiaio di impasto.
Sbricioliamo infine la copertura sopra ogni dolcetto.
Cuociamo per  20/22 minuti.




                                     
Il goloso "cuore morbido" , la  copertura zuccherosa ne fanno
un dolcetto da dessert a tutti gli effetti.



L'interno , morbido e profumato.


Con questo dolce partecipo al bellissimo contest di Morena

















SHARE:

giovedì 11 ottobre 2012

Tartellette



Tartellette di pasta matta con ricotta , zucca  e gamberi.
SHARE:

martedì 9 ottobre 2012

Le spighe





Le spighe



In questo periodo ho una grande passione per  il grano saraceno , lo metterei ovunque.
Ho provato questa forma di pane, è perfetto, i "chicchi" sono bocconcini,
uno tira l'altro!



Ingredienti per quattro spighe .


230 g farina 0
50 g farina integrale di grano
20 g di farina di grano saraceno 
190 acqua tiepida
40 g lievito madre
1 cucchiaino di miele (5 g )
1 cucchiaino da caffè  di sale (5/6 g)









Procedimento

Miscelare le farine , aggiungere  l'acqua , impastare 30 secondi ,coprire e far riposare da 30 minuti a un'ora.
Questo processo è comodissimo : si riducono i tempi di impasto e si può applicare praticamente ad ogni lievitato, a patto che vi siano liquidi a sufficienza nella ricetta!
Inserire ora il miele e , con l'impastatrice in movimento, il lievito madre a piccoli pezzi.
Lavorare a bassa velocità fino a che il composto è legato e si stacca dalle pareti della ciotola.
Ora aggiungere il sale spolverandolo sull'impasto e lavorare  fino a che si stacca dal fondo.
Io uso una impastatrice Kenwood e  faccio tutte queste operazioni con la frusta a K .
Lavorare ora su spiano pochissimo oliato per "gonfiare" la pasta, il video mostra come faccio io , 
metterlo poi in un contenitore e far riposare fino al raddoppio abbondante del volume iniziale.

Dividere in quattro pezzi , formare dei cordoni della lunghezza della teglia del forno, adagiarli su carta forno.
Con le forbici praticare dei tagli a distanza di tre centimetri uno dall'altro, dividere le punte ottenute adagiandole sfalsate, spolverare di saraceno e mettere a lievitare coperti  per due /tre ore.
Riscaldare il forno a 250°, gettare un bicchiere d'acqua su di una teglia posta sul fondo  per fare vapore,   infornare , abbassare dopo 7/8 minuti a 200° e cuocere fino a doratura.















SHARE:

domenica 7 ottobre 2012

Pomodori e polpette



I pomodori alle olive

L'orto di mia mamma è ancora ricco di frutti, come non approfittare di questi 
deliziosi ciliegino ?  La ricetta è di una mia amica , Sergia!

Ingredienti

pomodorini maturi
olive verdi e nere
parmigiano grattugiato
pane grattugiato
sale e pepe
olio




Tagliare la calotta ai pomodori lavati ed asciugati e metterli a scolare per una mezz'ora
capovolti.  Nel frattempo tritare le olive  e grattugiare il formaggio.
Rivestire una pirofila di carta forno, disporvi i pomodori, versarvi qualche goccia
di olio , un pizzico di sale e pepe, e riempire le cavità con la polpa di olive.
Spolverare  di parmigiano  e pane grattugiati , unire un filo d'olio.
Infornare a 180° , forno ventilato, per 20/25 minuti.






Sono molto buoni sia caldi che freddi, mi sono piaciuti con queste polpettine ..





 Polpette al forno.

Avanzi di carne , io avevo tacchino
Pane raffermo ammollato nel latte
Zucca cotta al forno
Uova
Prezzemolo
Sale, pepe
Latte
Pane grattugiato







Lasciare il pane spezzettato a bagno nel latte e nel frattempo macinare la carne.
Aggiungere la zucca schiacciata, le uova , sale e pepe , unire il pane e latte 
quanto basta per avere un composto morbido , non troppo appiccicoso.
Con le mani bagnate , formare delle palline poco più grandi di una noce,
rotolarle nel pane grattugiato e disporle su di una teglia.
Cuocere a 180° , io forno ventilato,  per 20/25 minuti.




Lascio qualche foto dell'autunno che incalza!




.



.
SHARE:

sabato 6 ottobre 2012

Settevasetti








E' , forse , il dolce  più conosciuto del web.
Facile da  da fare e da ricordare , si presta a qualunque variazione, 
e , cosa non trascurabile , è veloce !
Come al solito , ci ho messo del mio, ma mica perché non mi piaccia la versione 
ufficiale, eh! Solo per "sperimentare" e poi perché...vabbé... ho una passione sfrenata 
per la farina di grano saraceno, lo confesso!








Ingredienti  
( tra parentesi le mie modifiche)



1 vasetto di yogurt da 125 g
3 vasetti di farina 00 ( 2 vasetti farina 00 1 vasetto farina di saraceno)
2 vasetti di zucchero ( 1 e 1/2 nell'impasto , l'altra metà sopra)
1 vasetto di olio insapore ( metà vasetto di burro fuso  e metà latte )
3 uova
1 bustina di lievito




Procedimento



Ho sbattuto i tuorli con lo zucchero, unito lo yogurt mescolato le farine e il lievito
ed aggiunti alternandoli al burro fuso e  al latte. 
Ho montato gli albumi a neve ferma e li ho incorporati con attenzione,
mescolando dal basso verso l'alto con una spatola.
Ho sbucciato e tagliato a fette sottili due piccole mele e le ho messe a raggiera sopra il dolce.
Ho spolverato col rimanente zucchero e infornato a 180° fino a cottura.
Ogni forno è a sé, nel mio ci sono voluti 45 minuti, vale sempre la prova stecchino.









SHARE:
© dolce forno. All rights reserved.
Blogger Templates by pipdig